Come gestire un cucciolo che sta molto tempo in casa da solo?

Arriva per tutti il momento in cui dobbiamo lasciare il nostro cucciolo da solo in casa: l’uso di giocattoli che lo distraggano può essere utile per evitare che morda e rovini mobili e oggetti. Ci può preoccupare anche che pianga tutto il giorno, abbaiando o ululando, e si deprima mentre aspetta il nostro ritorno. Come fare per evitare un trauma al nostro cucciolo e un disastro in casa?

1. Educarlo all’autonomia
È fondamentale insegnar al cane a stare a casa da solo durante qualche ora al giorno.Se, appena si chiude la porta, il cucciolo piange e abbaia, vuol dire che non sopporta la solitudine: farlo sentire sicuro e autonomo dipenderà dal padrone.

Quando si è in casa, bisogna lasciargli il suo spazio e abituarlo a essere il più autosufficiente possibile, per esempio evitando di prenderlo in braccio continuamente o interrompendo altre attività per prestargli attenzione. Bisogna essere sempre equilibrati nell’educazione del cane.

2. Non spaventarlo né sgridarlo continuamente
Se, al ritorno, la casa è un disastro, l’istinto è quello di arrabbiarsi e sgridarlo. Ma è una reazione da evitare, perché il cucciolo probabilmente non capirà il motivo della sfuriata. Sgridarlo è utile solo se lo si fa nel momento in cui il cane sta facendo dei danni, altrimenti l’unico risultato che verrà ottenuto sarà che il cucciolo diventi ancora più dipendente e pauroso in nostra presenza.

3. Cibo e passeggiata prima di lasciarlo da solo
Uno dei metodi migliori per far sì che un cucciolo da solo in casa non distrugga tutto è portarlo a fare una bella passeggiata, che lo aiuterà a sfogare tutte le energie accumulate.Anche dargli da mangiare prima di lasciarlo da solo può essere un’idea, perché dopo la pappa è normale che il cucciolo si appisoli per fare un riposino di qualche ora.

4. Lasciargli dei giocattoli
Non si può pretendere che il cane dorma tutto il tempo, mentre si è fuori casa. Il fatto che morda o rompa gli oggetti che trova in casa è dovuto alla noia, quindi sarà meglio lasciargli dei giocattoli con cui potrà intrattenersi. Si ha una vasta scelta di giochi tra cui palle a sonagli, ossi di plastica da masticare o qualsiasi cosa piaccia al proprio cane.

5. Non fare scenate al momento della separazione
Anche se la tentazione è forte, bisogna evitare di uscire di casa con effusioni eccessive, l’animale interpreta questi gesti in modo negativo, come un pericolo o una minaccia. Salutarlo in modo troppo teatrale lo farebbe innervosire inutilmente e lo farebbe stare in allerta tutta la giornata. Non è da cattivi padroni uscire senza salutare il cane. Al contrario, lo si fa per il suo bene.

Per poter lasciare il nostro cucciolo da solo in casa con la certezza che si comporterà come si deve, dobbiamo metterci nei suoi panni e capire ciò di cui ha bisogno.A volte può bastare una cuccia più comoda, una ciotola d’acqua o un pupazzo per giocare. Poco a poco si abituerà alla nostra assenza!

Avete un cane che passa molto tempo solo?

Un cane che passa molto tempo solo non è sicuramente felice come lo vorrebbe il suo padrone. Spesso, infatti, quando si esce la mattina per andare al lavoro, il momento del saluto è davvero straziante per entrambi. Ma sentirsi tristi non basta e, soprattutto, non porta da nessuna parte. Occorre essere realisti e attuare con intelligenza, cercando di trovare soluzione pratiche che vadano bene per entrambi.

1. Organizzate delle visite
Sicuramente avete un familiare, un amico o un vicino di casa che ama gli animali e ha qualche ora libera per aiutarvi. Lasciategli le chiavi di casa vostra e permettetegli di visitare il vostro animale domestico di volta in volta. Rimarranno assieme per qualche minuto, in modo che possa spezzare la routine della solitudine. Con qualche carezza o magari una breve passeggiata.

2. Alternate i giocattoli che gli lasciate
Gli animali si annoiano molto velocemente dai giocattoli che hanno. Soprattutto se sono sempre gli stessi e gli vengono proposti di continuo. Per evitare che ciò accada, lasciategli ogni giorno solo due o tre giocattoli a portata di zampa, in modo che si crei un’alternanza favorevole a creare un’aspettativa di novità.

3. Non fatelo sentire in gabbia
C’è chi lascia il cane da solo a casa in una stanza chiusa o in una terrazza, escludendolo da altre zone dell’appartamento. Questo può dargli la sensazione di stare in gabbia.

Lasciate le porte aperte dopo aver tolto tutto ciò che può essere pericoloso o che potrebbe rompersi. Alzate le tende e aprite le finestre per garantire un sufficiente ricircolo di aria e lasciate che esca sul balcone o sulla terrazza, se ne avete una ed è sicura per l’animale. Questo renderà meno dura la solitudine.

4. Lasciate la musica accesa per gestire un cane che passa molto tempo solo
Forse non sapete che la musica ha grandi benefici sugli animali domestici e ci sono persino canali musicali dedicati proprio a loro. Lo stesso accade con la TV. Non è necessario che il suono della radio o della TV sia molto alto. E’ sufficiente che un leggero mormorio rompa il silenzio della casa e lo faccia sentire meno solo e più rilassata.

5. Stimolate il suo senso dell’olfatto
Se avete esperienza con questi animali, già sapete che quando i cani odorano qualcosa non si fermano finché non scoprono di cosa si tratta. Potete nascondere alcuni pezzi di cibo in diversi angoli della casa, come una specie di nascondino: il vostro animale domestico si divertirà a cercarli.

6. Adottate un altro animale domestico
Se sapete che starete spesso fuori casa e i vostri orari sono molo incerti, forse dovreste considerare la possibilità di adottare un altro animale. Non deve essere necessariamente un cane. Potrebbe essere anche un gatto, un coniglio o un criceto. L’importante è che possa andare d’accordo con il vostro amico a quattro zampe. Riflettete sulle varie alternative e, una volta deciso, realizzate l’avvicinamento in modo graduale e positivo, per favorire una convivenza sana. Stando assieme a un altro animale, la solitudine non sarà più un problema, dato che si faranno compagnia a vicenda.

 

CALL TO ACTION-ECCOMERCE