Consigli per abituare il cane a star da solo

Una delle principali “paure” dei proprietari di animali domestici, quando decidono di adottare un cane o un gatto, è cosa fare quando dovranno lasciarlo da solo, dentro casa. Questo aspetto incide molto sulla scelta di accogliere un amico a quattro zampe, ma esistono diversi modi per risolvere il problema. Tutto sta, sin dai primi mesi di vita, nella capacità del padrone di abituare il cane a stare solo.

Come abituare il cane a stare solo?
Alcuni animali, per ragioni di lavoro e routine quotidiana, purtroppo finiscono per passare molte ore da soli. Possono arrivare a sentirsi abbandonati, soffrire di stress o diventare vittime della pericolosa ansia da separazione. Durante il tempo in cui rimangono senza compagnia, spesso piangono, abbaiano e assumono atteggiamenti distruttivi, mordendo e graffiando oggetti o mobili.

Per prima cosa, bisogna sapere che il cane è un animale sociale e ha bisogno di essere sempre circondato da persone o altri animali. Ad ogni modo, esistono dei metodi che permetteranno di abituare il cane a stare da solo, senza che soffra eccessivamente:

1. Abituare il cane sin da cucciolo
Appena arriva a casa, bisogna subito insegnargli a stare solo. All’inizio, sarà per un breve intervallo (5 minuti) e, piano piano, questo intervallo verrà aumentato a poche ore. L’animale si abituerà gradualmente all’ assenza.

Molte persone adottano un animale durante le vacanze. Oltre a godersi le meritate giornate di svago, abitueranno l’animale al fatto che il padrone non starà sempre al suo fianco.

2. Una giusta dose di attività fisica
Spesso il comportamento aggressivo del cane è più frutto dello scarso esercizio che della mera solitudine. Un buon consiglio è quello di  portare a spasso l’animale prima di lasciarlo in casa da solo. Bisogna farlo giocare, correre, insomma stancare. Una volta tornati a casa, è molto probabile che lui preferisca schiacciare un pisolino.

L’importante è che bruci buona parte dell’energia accumulata durante la notte. Dopo aver camminato e corso, il cane si troverà in uno stato di calma ed è probabile che decida di passare qualche ora in perfetto relax.

3. Evitate la fretta
Per poter abituare l’animale a stare solo in casa, occorre anche prestare attenzione alle proprie abitudini. Se ci si sveglia con poco anticipo, non si avrà il tempo sufficiente per stare con l’animale. Il segreto è far comprendere che l’assenza da casa è come un gioco e che, al ritorno, l’animale verrà premiato adeguatamente.

Inoltre, prima di uscire non bisogna interagire con lui, in modo che si possa calmare e si prepari a stare da solo. Se si gioca o si parla con il cane,  sarà più difficile che accetti il distacco.

Questo elemento è molto importante: non bisogna esagerare con i saluti. Un arrivederci troppo prolungato può essere inteso dal cane come un addio. Sappiamo che non è facile, ma meglio chiudere la porta di casa e uscire in modo meno emotivo.

4. Lasciate cibo e giocattoli
Proprio nel momento in cui si esce di casa, si consiglia di dargli da mangiare. Così avrà qualcosa da fare e dopo, per digerire bene, si sdraierà per riposare. E’ molto utile lasciargli vicino gli oggetti e i giocattoli preferiti, in modo che possa morderli e intrattenersi nelle ore in cui non c’è nessuno in casa.

5. Casa in ordine e musica accesa
Per evitare che l’animale si senta solo e triste, è una buona idea lasciare la radio o la televisione accese. Si tratta di un semplice trucco che permetterà di riempire il silenzio della casa. Rispetto alla musica, i cani preferiscono i brani strumentali (senza voce). Se poi avete il digitale terrestre, esiste un canale dedicato ai cani, chiamato Dog Tv che trasmette programmi pensati proprio per loro.

6. Una stanza tutta per lui
Infine, sarebbe opportuno lasciarlo in un piccolo ambiente, senza che acceda ad altri spazi della casa, come la cucina. Si ricorda di  includere tutti i suoi oggetti personali (ciotole con cibo e acqua, giocattoli, cuccia e coperta preferita…) in modo da creare un ambiente familiare. In questo spazio il cane potrà muoversi liberamente e giocare, senza entrare in altre zone della casa che potrebbero essere pericolose.

 

CALL TO ACTION-ECCOMERCE